GF Vip, Aldo Montano fuori dalla Casa: i motivi. Amedeo Goria nei guai: Moige invita gli sponsor a ritirarsi

Un annuncio a sorpresa per il pubblico del Grande Fratello Vip: Aldo Montano ha abbandonato la Casa di Cinecittà. Non si tratta di una rinuncia al reality a pochi giorni dall'inizio, ma la produzione ha spiegato i motivi della sua uscita diramando un comunicato ufficiale. Lo sportivo ha degli impegni istituzionali presi precedentemente a cui non può rinunciarvi e rientrerà tra le quattro mura di Cinecittà solo dopo aver effettuato un periodo di quarantena. Lo schermidore parteciperà all'incontro con il Presidente della Repubblica Sergio Mattarella insieme ai medagliati di Tokyo che si terrà al Quirinale giovedì 23 settembre. A comunicare l’evento lo scorso agosto era stato il presidente del Coni, Giovanni Malagò, nella conferenza stampa di chiusura dei Giochi a Casa Italia.

Non vedremo Aldo Montano al GF Vip per qualche giorno perché dovrà trascorrere un periodo di isolamento in albergo. La notizia ha scatenato una serie di polemiche. In molti sui social si sono chiesti perché la produzione non abbia aspettato a fare entrare l'atleta direttamente a impegno terminato.

GF Vip: fuga degli sponsor? Il Moige contro Amedeo Goria: "Molestie su Ainett Stephens"

Anche quest'anno potremmo assistere a una fuga degli sponsor. Amedeo Goria è al centro delle polemiche per via del suo comportamento avuto nei confronti di Ainet Stephens. La concorrente ha confidato, in più occasioni, che il giornalista avrebbe allungato le mani più volte. Uno dei gesti che ha suscitato particolare indignazione è stato quello di togliersi le mutande nel letto mentre c'era anche Ainett Stephens. Un comportamento che ha scatenato la furia del Moige. Il Movimento Italiano Genitori ha lanciato un appello agli sponsor del Grande Fratello Vip affinché si ritirino:

"Questi modelli disfunzionali vengono fatti passare come ‘normali’ o ‘divertenti’, sottovalutando quanto influiscono sui comportamenti che poi vengono agiti nel mondo reale, molestie sulle donne in primis"

Elisabetta Scala, presidente del Moige e responsabile del suo Osservatorio Media, ha richiamato le aziende inserzioniste alla propria responsabilità. Involontariamente un'azienda sostiene anche la diffusione di questi modelli culturali negativi che pregiudicano la dignità e il rispetto della donna. Cosa succederà nelle prossime ore?

Leggi anche...

Redattore

https://www.leinews.it/immagini_soggetti/09-09-2021/1631219038-53-.png