Per la prima volta Balenciaga organizza un evento in Cina e presenta la sua collezione di haute couture fuori Parigi.

Un nuovo debutto per la maison Balenciaga, che per la prima volta dal lontano 1967, anno dell’ultima collezione del suo fondatore Cristóbal Balenciaga, approda in Cina per la presentazione della sua 50esima collezione di haute couture. Una mostra scenografica pazzesca, realizzata negli spazi del Museo Tank del collezionista d'arte contemporanea Qiao Zhibing, che scorre lungo il fiume Huangpu, non distante dall'aeroporto di Longhua. Gli ambienti, per 5 giorni protagonisti di prove d’abito ed esibizioni, sono stati ricavati all’interno di enormi silos che un tempo contenevano carburante per gli aerei e trasformati in saloni di alta moda.

Altissime tende color sabbia e moquette tono su sono, hanno caratterizzato gli spazi del Tank, proprio con l'obiettivo di ricreare i saloni dello storico atelier parigino in 10 Avenue George V, rinnovato recentemente, dove Cristóbal Balenciaga era solito presentare le sue collezioni durante gli anni Trenta. Queste stanze ripercorrono la tradizionale cerimonia di couture: un salone per i clienti e il loro entourage per vedere i capi, una base rialzata per prendere le misure al cliente e un'area privata per cambiarsi.

La collezione d’alta moda è firmata Demna Gvasalia, direttore artistico della maison prevede una mostra e sessioni di prova per facoltosi clienti cinesi, che non possono viaggiare all'estero.

Queste le sue parole: 

“Visto che la popolazione cinese non può viaggiare nemmeno in Europa ho sentito che era nostro dovere portare lì la 50° collezione Balenciaga couture. Si tratta di un momento importante che celebra la cultura, l'artigianato e il patrimonio del marchio in una mostra che presenta la mia prima collezione di alta moda”.

Per l’occasione il direttore artistico ha selezionato ventinove look dalla sua collezione d’alta moda e ne ha creato uno speciale per l'evento. Questo ed altri diciotto look sono stati esposti su manichini invisibili, fluttuanti in un grande showroom circolare. I restanti undici modelli sono stati allestiti e presentati in un altro spazio, con salottini privati dove i clienti possono vederli, prendere le misure ed ordinarli. Sembra proprio che l’evento voglia strizzare l’occhio ai clienti cinesi di Balenciaga, che vanta 39 punti vendita in Cina. La scalata per la maison non si ferma, tanto da trovarsi ai vertici delle classifiche dei brand più desiderati del momento.

Così ha commentato Cédric Charbit, ceo di Balenciaga:

“L'evento è un'esclusiva mondiale in una inconsueta location geografica per rilanciare l'haute couture della maison. Il nostro obiettivo è stato quello di condividere il patrimonio storico e la visione creativa di Gvasalia con un nostro pubblico sofisticato che ha un'elevata comprensione del lusso e dell'artigianato”.

Leggi anche...

Redattore

https://www.leinews.it/immagini_soggetti/04-10-2021/1633381084-489-.jpg