Dopo il lancio di God of War Ragnarok, molti fan hanno storto il naso all'immagine del dio dei fulmini. Ecco il motivo.

Durante il Playstation Showcase del 9 settembre 2021, è stato finalmente annunciato uno dei sequel più attesi dell'era Playstation 4 e della nuova era Playstation 5. Stiamo ovviamente parlando di God of War: Ragnarok.

Lo studio Santa Monica ha rilasciato un trailer di circa 3 minuti compreso di gameplay, il quale ha sorpreso e meravigliato una mole pazzesca di videogiocatori. A quanto pare, la trama prende vita un anno dopo la conclusione del prequel “God of War" (2018) che nel finale ha scioccato l'intero mondo videoludico con una rivelazione che, certamente, non menzioneremo.

Tornando allo showcase di settembre: quantunque l'estasi causata dall'inaspettato annuncio (atteso, invece, per altri) è stato qualcos’altro a scioccare i videogiocatori, le cui reazioni stanno ancora imperversando sui vari social.

UN DIO DEL TUONO CON QUALCHE CHILO DI TROPPO

Esatto. A quanto pare, la comunità videoludica avrebbe puntato il dito accusatore contro gli sviluppatori dello Studio Santa Monica a causa dell’aspetto dell'elettrizzante figlio di Odino. Secondo le opinioni di molti, infatti, il fisico corpulento ostentato da Thor nel momento in cui la casa videoludica ha deciso di rilasciare l'official art, ha indignato una gran fetta dei fan del franchise.

Infatti, tuttora si sta gridando allo scandalo, poiché l'immagine oramai falsamente divinizzata della deità corre di pari passo con il famoso attore del Marvel Cinematic Universe, Chris Hemsworth, il cui ruolo nelle pellicole è proprio quello del dio norreno dei fulmini.

È giusto sottolineare che la totalità di queste polemiche siano nettamente infondate, sicché -per storia e antonomasia vichinga- il pantheon norreno era costituito da omaccioni corpulenti e donne assai prosperose. Siccome il franchise di God of War tende, a differenza delle opere filmiche, a dare maggior rilevanza alla mitologia e alle tradizioni, non ci sentiamo in alcun modo di discutere la decisione tecnica, tutt'altro.

Nel momento in cui si desidera costruire un progetto veridico -o almeno in parte, dacché si tratta di miti e leggende raccolti attorno alla trama di un gioco- riteniamo sia importante rispettare alcuni dettagli fondamentali, proprio come quello preso in considerazione dagli autori della famosa, meravigliosa e fortunata serie di videogames

. È interessante e deplorevole quanto il body shaming si dimostri un problema che affligge anche le industrie.

Leggi anche...

Redattore

https://www.leinews.it/immagini_soggetti/09-09-2021/1631218935-403-.png