In quest'articolo parleremo dell'obbligo del possesso del Green Pass da metà di questo mese nel luogo di lavoro.

Ormai siamo agli sgoccioli: dal prossimo venerdì 15 ottobre scatterà l’obbligo di esibire il Green Pass per 23 milioni di italiani nel posto di lavoro sia nel pubblico che nel privato, tra i quali i bar, i ristoranti.

Oltre a questi da metà mese torneranno a lavorare in presenza i dipendenti delle Pubbliche Amministrazioni e l’abbandono del lavoro in Smart working che si era reso necessario con l’avvento della Pandemia.

Il Green Pass è obbligatorio per accedere al luogo di lavoro: senza dimostrare il possesso della certificazione verde Covid-19, non si riceverà lo stipendio mensile stabilito in quanto, anche se si lavora si viene considerati assenti ingiustificati.

A differenza, però, delle prime voci circolavano dai Vertici del Governo se non è vaccinati, non si viene sospesi dal proprio posto di lavoro. Gli unici ad essere esclusi da questo rischio sono i lavoratori in Smart working.

Secondo l’ultimo decreto entrato in vigore in concreto, ogni dipendente ha l’obbligo di esibire su richiesta del proprio datore di lavoro, del direttore o di chi per lui ne fa le veci, la Certificazione Verde Covid-19.

Come già ben saprai la Certificazione Verde Covid-19 era già diventata obbligatoria nel territorio nazionale a partire da quest’estate in molti luoghi di lavoro, nei mezzi di trasporto quali i treni, le auto, gli aerei.

Successivamente poi è stato reso obbligatorio il Green Pass anche nei concorsi pubblici che si sono tenuti nel mese di agosto e alle stesse scuole che hanno riaperto le porte nel mese di settembre ed a partire da venerdì prossimo riapriranno anche cinema, discoteche che hanno assistito ad un calo del loro orario di lavoro nel 2020 e che, grazie all’estensione dell’obbligo vaccinale e del tampone ora sono tornati a riaprire, grande tema fortemente dibattuto dalle Regioni negli ultimi giorni che sono riuscite ad ottenerne l’estensione della durata massima dalle 48 ore originariamente previste alle 72 ore attuali.

Ora il governo sta lavorando alla stesura di linee guida per la creazione di una APP per effettuare a campione dei controlli veloci sul possesso del Green Pass.

Ancora però non si sa molto.

Non ci resta altro che attendere le comunicazioni che arriveranno già dalla prossima settimana prossima, in cui è prevista una riunione a Palazzo Chigi nei luoghi di lavoro privati e pubblici.

Per ora quello che sappiamo è che questa App servirà a velocizzare i controlli sul luogo di lavoro cosi come è già stato fatto dal primo settembre scorso nelle università di tutta Italia.

L’App è diventata uno strumento utile per riuscire a risalire ad eventuali asintomatici.

Leggi anche...

Redattore

https://www.leinews.it/immagini_soggetti/09-09-2021/1631219243-70-.jpg