"Mi sono beccato il gas dei lacrimogeni, finisce qui la serata"

Nel tardo pomeriggio di ieri, a piazza del Popolo a Roma, quello che doveva essere un pacifico sit-in di un gruppo di manifestanti no green pass, si è trasformato in una vera e propria “guerriglia” tra insulti al presidente Mario Draghi, lancio di lacrimogeni e scontri con le forze dell’ordine schierate in assetto antisommossa per tenere sotto controllo la manifestazione.

Ore di tensione, testimoniate anche dai video e foto postate su Instagram dall’attore e musicista americano Jared Leto, premio Oscar e leader dei Thirty Seconds To Mars, arrivato in Italia nei giorni scorsi e in visita a Roma, finito suo malgrado tra gli scontri dei manifestanti. A passeggio tra le vie romane, ha cominciato a riprendere i momenti concitanti degli scontri in piazza: "Mi sono ritrovato in mezzo ad una protesta in Italia. Da quello che ho capito, riguarda l’obbligo di vaccino e green pass. Mi sono beccato il gas dei lacrimogeni e ho dichiarato chiusa la serata”.

L’attore, che prossimamente vedremo, nei panni di Paolo Gucci nella pellicola di Ridley Scott, House of Gucci interpretata da Lady Gaga, è spesso in visita in Italia. Grande amico di Alessandro Michele, direttore creativo di Gucci, ogni anno passa almeno un mese di vacanza tra Roma la Sardegna e Milano. Ieri, nella confusione del momento, nessuno si è accorto della sua presenza e così ha continuato a riprendere indisturbato con il suo telefonino. Immagini di un ferito con la testa sanguinante, e poi ancora l’assalto di uno dei manifestanti ad un’auto blu, e i blindati della Polizia che cercavano di fermare in qualche modo la folla.

Diverse le zone della Capitale interessate dalle manifestazioni: piazza del Popolo, piazzale Flaminio, villa Borghese, via del Tritone

Circa 10 mila i partecipanti che si sono mossi per il centro della città, dove sono scoppiate tensioni con la polizia. A largo Chigi, vicino a palazzo Chigi, gli agenti hanno lanciato lacrimogeni e azionato alcuni idranti per disperdere i manifestanti, che hanno risposto lanciando petardi, sassi e bombe carta.

La questura fa sapere che si è arrivato all’arresto di quattro manifestanti e che alcuni agenti sono rimasti feriti negli scontri. Al vaglio anche la posizione del leader di Forza Nuova Giuliano Castellino, che era sotto regime di sorveglianza speciale e ha violato numerose prescrizioni. Assaltata la sede della Cgil, i sindacati annunciano una manifestazione "nazionale e antifascista" per il 16 ottobre.

Leggi anche...

Redattore

https://www.leinews.it/immagini_soggetti/04-10-2021/1633381084-489-.jpg