L’imprenditore Maurizio Marinella lancia un grido d'allarme: “pochi giovani ora si avvicinano a queste attività”

Dal 4 novembre al Museo della moda di Napoli si è tenuta una preview dell’area dedicata alla sartoria maschile, vanto della città campana e voluta dalla Fondazione Mondragone. Cesare Attolini, Domenico Caraceni, Ugo Cilento, Kiton, Maurizio Marinella, Mariano Rubinacci, con le loro creazioni, sono stati i primi protagonisti della nuova area museale.

Per l’occasione hanno presentato una piccola capsule di venti capi, donati al museo dagli stessi imprenditori. La collezione è destinata ad arricchirsi di molti altri pezzi che fanno già parte del patrimonio museale della Fondazione.

L’area museale è stata ristrutturata grazie all’utilizzo di fondi europei, al fine di dare più visibilità alle creazioni sartoriali della città di Napoli, ma anche con l’obiettivo di offrire opportunità di studio ai giovani oltre che agli addetti ai lavori. Il potenziamento dell’area museale nasce inoltre dalla volontà di diversificare l’offerta turistica, stimolando il potenziale attrattivo della città e stimolando anche le associazioni culturali a creare collaborazioni per seminari, workshop, esperienze laboratoriali brevi al fine di conoscere i dettagli tecnico sartoriali che caratterizzano gli esemplari tessili.

In esposizione un completo del 1943 creato per Giorgio Armani

Nella preview, è stato possibile ammirare tra i pezzi esposti, un completo di Caraceni creato per Gianni Agnelli nel lontano settembre 1943, realizzato in lana inglese. L’imprenditore Ugo Cilento, ha invece allestito due vetrine esposte all’ingresso.

Come ha sottolineato il commissario straordinario della Fondazione, Maria D'Elia, il museo si vuole aprire sempre di più alla città.

“Il Museo della Moda di Napoli intende avviare così un nuovo percorso che vedrà un’intera ala, quella del terzo piano, dedicata a quello che è verosimilmente il simbolo dell’artigianato napoletano nel mondo, riconosciuto da sempre come sinonimo di eleganza e qualità”.

All’evento è intervenuto anche il sindaco De Luca che ha ricordato Ciro Paone, lo stilista napoletano fondatore del marchio Kiton, scomparso di recente.

“Mi è capitato di incontrarlo nel suo stabilimento, era una bella figura, che ha avuto un coraggio di investire a Milano, con una scelta che si è rilevata vincente, anche per la visione” 

Leggi anche...

Redattore

https://www.leinews.it/immagini_soggetti/04-10-2021/1633381084-489-.jpg