"Basta vittimismo", l'atleta Monica Contrafatto tuona contro Manuel Bortuzzo per come ha trattato Lulù Selassié al GF Vip

Manuel Bortuzzo sta male al Grande Fratello Vip. Il concorrente della sesta edizione del reality show più spiato d'Italia è davvero stanco dal comportamento di Lulù Selassié. La ragazza è stata bacchettata in diretta, durante la puntata di venerdì 12 novembre, da Alfonso Signorini. Il conduttore le ha detto chiaramente che Manuel Bortuzzo non la vuole come fidanzata; il ragazzo l'ha supplicata più volte di lasciarlo in pace ma questo non è accaduto: "Nessuno ha il diritto di non rispettare l'altro e nella situazione di Manuel che è una situazione particolare bisogna avere rispetto".

Scoppiata a piangere, Lulù Selassié ha tentato di giustificare il proprio comportamento ma è stato tutto inutile. Secondo la gieffina la colpa sarebbe da attribuire a Manuel perché è lui che non fa chiarezza con i suoi pensieri, non pretende che sia diverso e non vuole passare come la stalker di turno. A chiudere questa brutta pagina ci ha pensato la sorella Jessica che ha dichiarato in diretta al GF Vip che Lulù dovrebbe ascoltare di più. Ha dimostrato, infatti, di non sapere ascoltare Bortuzzo che ha chiesto in tutte le salse di troncare il flirt nato tra le quattro mura della Casa di Cinecittà e di essere lasciato in pace.

Manuel Bortuzzo attaccato, atleta Monica Contrafatto: “Non ti giustifica che sei in carrozzina”

La vicenda Manuel Bortuzzo-Lulù Selassié, andata in onda al GF Vip in diretta, è stata davvero di cattivo gusto. Tra i commenti in merito alla questione è spuntato anche quello di Monica Contrafatto, atleta paralimpica, che ha visto la puntata come una spettatrice comune. Non ha apprezzato il comportamento di Manuel Bortuzzo il quale, a detta sua, si sarebbe preso gioco di Lulù. Anche contro il reality show condotto da Alfonso Signorini ha avuto da ridire, dal momento che la trasmissione dovrebbe trattarlo come una persona normale senza evidenziare la disabilità:

Stare in carrozzina non giustifica nessuno a prendersi gioco di una ragazza e che, per quanto lei possa essere pesante, non può trattarla a suo piacimento e uso. Il recupero psico-fisico non c'entra con tutto ciò. Se fosse stato un normo sarebbe stato già asfaltato. Trattatelo da normo perché la prima diversità sta da chi ci difende tutto

Leggi anche...

Redattore

https://www.leinews.it/immagini_soggetti/09-09-2021/1631219038-53-.png