Un’occasione unica per promuovere l’attività sportiva unendo i cittadini dell’Europa intera.

Dal 23 al 30 settembre prossimo si terrà la settima edizione dell’iniziativa Europea di sport, promossa dalla Commissione europea con cadenza annuale in più di 40 paesi dell’Unione Europea.

In Italia la settimana europea dello sport è coordinata dal Dipartimento per lo Sport e organizzata da Sport e Salute S.p.A. Quest’iniziativa è nata nel 2015 con il fine di promuove l’attività sportiva ed i relativi stili di vita sani attraverso la creazione di una campagna di sensibilizzazione alla salute ed al movimento dei cittadini di tutta Europa sottoposti ad una corretta e consapevole attività fisica.

Lo sport, infatti, apporta benefici alla salute fisica ed a quella mentale e l’occasione di “unire tutta Europa” in questo evento globale costituisce una grande opportunità per tutti per tornare in forma con un appuntamento condiviso tra diverse culture e stili di vita, accomunati tutti dal fatto di vivere da più di un anno di lockdown (chi più e chi meno) con limitazioni alla libera circolazione imposte dai nostri stessi Governi.

Molte attività lavorative, infatti, nell’ultimo anno sono passate alla modalità smartworking e molte persone si sono trovate costrette a condurre uno stile di vita ancora più sedentario rispetto ai livelli pre-pandemia e di conseguenza ad aumentare di peso, anziché perderlo.

Con i tempi che corrono é importante fare sport perché, come ci dicono gli esperti, lo sport aumenta le difese immunitarie. Infatti, il sistema immunitario viene stimolato con lo svolgimento dell’attività fisica regolare e il rischio di contrarre patologie come tumori risulta minore negli sportivi rispetto a coloro che, per l'attività lavorativa, sono costretti a passare gran parte del loro tempo seduti nella sedia della propria scrivania.

Esiste il detto che fare attività fisica giornalmente allunga la vita delle persone. Fare attività fisica prolunga infatti l’aspettativa di vita di ciascuno: secondo alcuni studi un’attività sportiva efficace prevede 150 minuti a settimana affinché una persona possa mantenersi in forma fisicamente e non manifesti la comparsa di malattie cardiovascolari e patologie metaboliche.

Per questo è importante che in una società sedentaria come la nostra ci sia una corretta educazione in ambito sportivo. L’incremento dell’attività fisica è una delle sfide che le generazioni del futuro si troveranno sempre più a fronteggiare considerando che nell'ultimo anno lo smart working é penetrato nelle nostre case.

Leggi anche...

Redattore

https://www.leinews.it/immagini_soggetti/09-09-2021/1631219243-70-.jpg