Alfonso Signorini e la posizione sull'aborto, furiosa la produzione del GF Vip: "Rispetto per i diritti civili"

Incresciosa pagina televisiva quella che è andata in onda al Grande Fratello Vip lunedì 15 novembre. "Siamo contrari all'aborto in ogni sua forma", ha dichiarato in diretta Alfonso Signorini. Parole che sono finite immediatamente nell'occhio del ciclone di commenti di condanna sui social, pronti a puntare il dito contro la presa di posizione del conduttore. Un plurale usato che ha scatenato davvero grande indignazione: con 'noi' cosa intendesse dire? Mediaset? Canale 5? GF Vip?

Una polemica che fa il paio con altre affermazioni controverse pronunciate dal giornalista e direttore di Chi in questa edizione del reality show più spiato d'Italia, a cominciare da quella che è stato il manifesto di apertura della sesta edizione, relativo al politicamente corretto e all'atteggiamento che la produzione avrebbe adottato rispetto alle punizioni per le frasi e i comportamenti scorretti messi in atto dai concorrenti.

Nessun passo indietro sulla posizione dell'aborto da Alfonso Signorini. con un tweet ha commentato le sue parole: "Tra i diritti civili per i quali mi batto da sempre ci sono il rispetto e la difesa della libertà di pensiero. Un principio che difendiamo, anzi difendo, con assoluta fermezza. Indipendentemente dai miei gruppi di lavoro".

GF Vip, produzione Endemol prende le distanze da Alfonso Signorini: “Rispetto per i diritti civili”

Le parole di Signorini non sono stato altro che una risposta chiara alle distanze prese da Endemol, società che produce Grande Fratello Vip. Con un comunicato la società dissente apertamente rispetto alle posizioni sull'aborto del conduttore:

L'aborto è un diritto di ogni donna sancito dal nostro ordinamento. Pur rispettando opinioni di ognuno, come Endemol Shine Italy esprimiamo la nostra distanza dalla sua personale posizione. In tutte le comunità e in tutti i gruppi di lavoro le opinioni possono essere diverse e GF Vip si distingue da sempre per essere attento a tutte le evoluzioni della società e al rispetto dei diritti civili

Leggi anche...

Redattore

https://www.leinews.it/immagini_soggetti/09-09-2021/1631219038-53-.png