Da oggi, su Netflix, Sky Q e visibile tramite l'app su Now Smart Stick è arrivata la nuovissima serie animata del noto fumettista italiano Zerocalcare, pseudonimo di Michele Rech.

E’ curioso come sia nato il nome d'arte di "Zerocalcare": un giorno, dovendo scegliere un nickname per entrare in una discussione su un sito online, prese ispirazione da uno spot televisivo che proprio in quel momento stavano dando in tv e i più, sicuramente ricorderanno che zerocalcare era associato proprio ad un prodotto anti-calcare.

Il post su Instagram di Zerocalcare

Zerocalcare ha lanciato la sua nuova serie “Strappare lungo i bordi” anche su Instagram e in un post scherza con i suoi fan riferendosi agli episodi: “durano 20 minuti scarsi, quindi in un’ora e mezza ve la siete levata dar c***o”, poi coglie l’occasione per ringraziare il team di 200 persone che hanno contribuito alla creazione del progetto aggiungendo: “Graziedodicimilioni a tutti e tutte, spero che il risultato finale e le reazioni non vi faranno vergognare di averci lavorato e che anzi ce svoltate altri lavori”.

Non manca anche il momento in cui spiega che “tra le cose diverse che quest'esperienza mi ha portato rispetto al fumetto, c'è il fatto di aver potuto usare la musica” sottolineando come i pezzi che troviamo nella serie ci sono perché “in qualche modo ce sto o ce so stato in fissa”. È “come quando parti per un viaggio lontanissimo tipo in Siria ma ti porti le cuffie con la musica che ti senti da tutta la vita per sentirti a casa e ricordarti da dove vieni” e chiude il suo messaggio.

Il video Spot della serie Zerocalcare

Come accade per ogni serie che va in onda sulle grandi reti, anche la nuova serie di Michele Rech è accompagnata da un bizzarro video in cui il fumettista è seduto sul divano e chiede ad alcuni strani “amici” che hanno visto la serie se può funzionare. Tra gli amici, oltre al suo amico Armadillo, si notano chiaramente alcuni personaggi andati in onda nelle altre serie cult Netflix tra le quali: "La casa di carta", "Stranger things" e "Squid Game".

La serie televisiva “Strappare lungo i bordi”

Zerocalcare e alla sua prima produzione televisiva, prodotta da Movimenti Production in collaborazione con BAO Publishing. “Strappare lungo i bordi” è una serie animata composta da 6 episodi da 20 minuti circa ciascuno.

Già presentata in anteprima alla Festa del Cinema di Roma, da oggi arriva anche su Netflix, Sky Q e visibile tramite la app su Now Smart Stick. Un racconto animato che ha come protagonisti Sarah e Secco, due amici di vecchia data che svolgono un viaggio in treno, e nella serie se ne ripercorrono ricordi e aneddoti. Tutti i personaggi sono doppiati da Zerocalcare, tranne la voce dell’armadillo, prestata da Valerio Mastandrea.

Top o Flop?

Leggi anche...

Redattore

https://www.leinews.it/immagini_soggetti/30-09-2021/1632986553-95-.jpg