"Che spettacolo la mia vita". Una lunga carriera tra palco, radio e doppiaggio

Ci lascia a 95 anni, nella sua casa romana, l’attore Elio Pandolfi. Nato a Roma il 17 Giugno 1926, ha svolto una intensa attività nel teatro di prosa e di rivista, alla radio e in televisione, affermandosi attore, cantante, ballerino, mimo e parodista di grande talento e versatilità. Insomma un artista a tutto tondo.

Iniziò la sua carriera nel mondo dell’arte dopo il diploma presso l’Accademia nazionale d’arte drammatica di Roma. Nel 1948 debuttò a Venezia come mimo-ballerino in "Les malheurs d'Orphée" di Milhaud, per poi entrare con Orazio Costa al Piccolo Teatro di Roma.

Recitò anche con Visconti che lo scelse nel ruolo del cantante castrato in L’impresario delle Smirne. Recitò accanto a Ava Gardner, in "Priest of love" e con registi come Fellini e la Wertmuller. Pandolfi è ricordato anche per aver doppiato Stanlio della coppia Laurel & Hardy, oltre ai personaggi disneyani di Paperino e Daffy Duck.

Per tanti anni fece coppia con Antonella Steni, compagna nel lavoro e nella vita, e lavorò in grandi varietà come Studio 1 con Mina.

La voce il suo più grande amore

Il suo più grande amore, che lo ha visto impegnato maggiormente nella sua carriera, è stato per lui la voce, estremamente versatile, ma riconoscibilissima, chiara, incisiva e che parla, interpreta e soprattutto canta. Come dichiarò lui stesso per la festa dei 90 anni, "Chi canta spera sempre, anche se non sa in che cosa e anche a 90 anni, quando la testa funziona ma è il corpo che perde qualche colpo".

La sua ultima apparizione in palcoscenico, risale al 2019 a Roma in "Io mi ricordo" con Riccardo Castagnari per la regia di Paolo Silvestrini.

Molti sono gli attestati di stima che si stanno rincorrendo in rete in queste ore tra amici e colleghi. Lo stesso ministro della cultura Franceschini: "Con profonda tristezza apprendo della scomparsa di Elio Pandolfi, un grande attore e doppiatore italiano. Il mondo dello spettacolo piange la scomparsa di un suo grande protagonista. Sono vicino alla famiglia in questa triste giornata".

Il giornalista Francesco Canino on Twitter: "E' morto a 95 anni Elio Pandolfi. Era geniale e sottovalutato" ricordando una sua dichiarazione: "Non ho rimpianti né debiti ma vanto un credito nei confronti del cinema. Mi chiamavano sempre per fare le stesse parti e alla fine mi sono scocciato e ho detto basta. Un bel film da protagonista me lo sarei meritato".

Lascia il figlio adottivo Natale Orioles, e per sua stessa volontà non si terranno i funerali.

Leggi anche...

Redattore

https://www.leinews.it/immagini_soggetti/04-10-2021/1633381084-489-.jpg