La scienza lo conferma: non solo ottimo rimedio naturale per il benessere del corpo, ma assumere birra in ridotte quantità potenzia anche le facoltà cognitive e creative.

Ottenuta dalla fermentazione del malto d’orzo ed aromatizzata dal luppolo, la birra viene prodotta da migliaia di anni. Una delle prime testimonianze che ne annoverano la produzione risale addirittura a 7000 anni orsono. Alcune fonti storiche infatti, testimoniano la presenza della birra in tutte le grandi civiltà del passato dagli antichi Egizi ai Greci, dai popoli della Mesopotamia ai Romani. Se consideriamo che tutti i popoli antichi coltivavano cereali che hanno come caratteristica quella di subire una fermentazione naturale, possiamo facilmente pensare che quella della birra sia stata una scoperta del tutto casuale.

Per alcuni popoli la birra era considerata addirittura una bevanda sacra. Furono gli Etruschi ad apprezzare le qualità della birra sulla penisola italiana, diffondendola nel resto del territorio e tra i Romani.

Sembrerebbe infatti che fu proprio un generale romano, Gneo Giulio Agricola, governatore di Britannia, ad aprire il primo locale per i bevitori di birra. Potremmo dire una sorta di antico pub.

Sobrietà non fa rima con creatività!

Uno studio della University of Illinois di Chicago ha dimostrato l’aumento delle facoltà cognitive per chi beve birra. I ricercatori dell’università hanno messo a punto un esperimento sottoponendo 40 uomini ad un test caratterizzato da una serie di tre parole, dovendone individuare una quarta che fosse attinente. Un classico esercizio di logica in cui trovare le parole in collegamento tra loro.

Alla metà dei partecipanti furono date due pinte di birra, agli altri nulla. Chi aveva bevuto le due pinte di birra riuscì a risolvere il 40% in più dei problemi. Coloro che avevano bevuto birra inoltre, finirono in 12 secondi i loro quiz, mentre gli altri impiegarono 15,5 secondi.

Con questo test si è dimostrato che bere birra rende il cervello più creativo ed aumenta la possibilità di risolvere problemi attraverso un miglioramento delle facoltà cognitive. Un risultato schiacciante che dimostra che bere birra fa bene. Certo, bisogna bere con moderazione.

Consigli utili

Per alleviare il mal di stomaco, si può bere della birra allo zenzero a temperatura ambiente o calda e senza schiuma. Questa bevanda è un fantastico rimedio naturale per ridurre le infiammazioni e il dolore, regola la flora intestinale e fa bene al sistema digerente.

Un altro aspetto di questa antica bevanda è il suo impiego antiforfora naturale, grazie al lievito e alle vitamine del gruppo B. Basta lavare i capelli con una bottiglia di birra 2 volte a settimana per eliminare la forfora ed ottenere capelli soffici e brillanti.

Dopo un allenamento intenso, non c’è nulla di meglio di una bottiglia di birra fresca per ritemprarsi. Gli zuccheri contenuti nella birra infatti sono indispensabili per fornire glucosio e nuova energia al corpo, contribuendo alla formazione della massa muscolare.

Leggi anche...

Redattore

https://www.leinews.it/immagini_soggetti/04-10-2021/1633381084-489-.jpg