Scopriamo insieme se è l'uso odierno della computer grafica a rendere "bello" un film.

Non vi è alcun dubbio: il cinema si è evoluto talmente tanto, che se andassimo casualmente a ritroso nel tempo, magari agli anni ’50 o ’60 (o forse, in epoche addirittura più recenti)  i nuovi prodotti apparirebbero come opere provenienti da un altro mondo.

Basti pensare, infatti, alla storia degli effetti sonori, visivi -e con l'andazzo delle decadi, anche speciali- che il mondo cinematografico ha testimoniato. All'epoca del mitico Charlie Chaplin e di Stanlio e Ollio, era persino impossibile ottenere un doppiaggio, o registrare una recita parlata da parte degli attori, tranne che per gli ultimi anni di attività del duo sopracitato. Eppure, le pellicole odierne hanno da offrire un comparto sonoro, visivo, scenico e grafico da capogiro.

Il recente monster movie, Godzilla vs Kong, oltre ad aver registrato incassi pazzeschi al botteghino, è ben figurato grazie alla massiccia dose di computer grafica che, oltre a essere stata utilizzata sapientemente, ha dimostrato ancora una volta la supremazia degli americani nel gestire la CGI.

LA GRAFICA COMPUTERIZZATA RENDE DAVVERO UN FILM PIÙ BELLO?

La risposta a questa domanda, così come la domanda stessa, è piuttosto complicata. Innanzitutto, bisogna chiarire che la computer grafica viene utilizzata soltanto in determinate occasioni, perlopiù di azione e panoramiche, e che spesso manca nei film in cui, effettivamente, non c’è bisogno del suo intervento. Tuttavia, è oramai consuetudine sfruttarla anche per produzioni che hanno poco o nulla a che vedere con l'azione, il fantasy e la fantascienza. Delle volte, si tratta di espressioni talmente particolarizzate che distinguerle dalla realtà sembra un’impresa! Ciononostante, per quanto l'occhio necessiti della sua parte, le trame giocano un ruolo fondamentale.

Un film può detenere una fotografia e un reparto tecnico CGI da far impallidire, ma qualora fosse povero di contenuti, faticherebbe a ottenere successo. Prendendo in esempio il meraviglioso Joker del 2019 (con Joacquin Phoenix) si può notare quanto la computer grafica non sia stata necessaria al fine di produrre un film riconosciuto globalmente come uno dei più belli del mondo fantasy-eroico derivato dai fumetti.

In sostanza, la CGI rende un film (o uno show) più bello, soltanto quando il suo uso è richiesto in quantità più che modica per mezzo di determinate scene, come nel caso di Pacific Rim (una plot basata sui mostroni denominati Kaijuu) e di qualsiasi prodotto del Marvel Cinematic Universe.

Leggi anche...

Redattore

https://www.leinews.it/immagini_soggetti/09-09-2021/1631218935-403-.png