A partire dalle 17:30 di oggi 4 ottobre, WhatsApp, Instagram e Facebook sono in totale crash. Le app sono irraggiungibili in tutto il mondo, e i tempi di risoluzioni non sono certamente brevissimi. WhatsApp: "Stiamo lavorando per risolvere il problema". Instagram: "Momento un po' complicato".

Milioni, forse miliardi sono gli utenti in tutti il mondo che da oggi pomeriggio, 4 Ottobre, cercano di collegarsi a Facebook, WhatsApp e Instagram senza successo: "Impossibile caricare il contenuto", "Sei offline", sono questi i messaggi più comuni che stanno visualizzando sui proprio smartphone e pc e subito online appaiono hashtag come #WhatsAppdown, #instagramdown e #facebookdown.

Un crash di servizi in cascata, che pare sia partito proprio da Instagram, seguito poi dall’ormai diffusissimo WhatsApp e che alla fine è sfociato in Facebook. Anche in Italia stiamo riscontrando gli stessi disservizi e come segnala Downdetector, pare siano stati riscontrati inizialmente a Milano, ma verso le 17:30 tutta l’Italia ne era già stata colpita.

Ora WhatsApp, per comunicare sta utilizzando il canale Twitter, è arrivato un messaggio dal centro tecnico di WhatsApp: "Sappiamo che molte persone stanno avendo dei problemi. Stiamo lavorando per risolvere il problema e vi ringraziamo per la pazienza".

Stessa sorte ha subito Instagram, che per comunicare con i suoi iscritti ha dovuto rivolgersi a Twitter dischiarando: “Instagram e i suoi amici stanno attraversando un momento un po' complicato e potreste avere problemi a utilizzarli. Abbiate pazienza, ci siamo”. 
E se non c’è due senza tre, e se 1 + 1 fa due, allora Facebook non poteva non essere colpito dal grande down e, scegliendo ancora una volta Twitter si è giustificato così: “Ci scusiamo per gli inconvenienti che tante persone stanno riscontrando nell'usare le nostre app”.

Tra rabbia e frustrazione, che ancora una volta dimostrano quanto siamo schiavi di social e telefoni, Twitter è diventato il canale più utilizzato da milioni di utenti che lamentando ovviamente il non poter più riuscire a inviare e ricevere messaggi, o pubblicare i propri post e storie si Instagram e navigare su Facebook.
Secondo alcune segnalazioni, pare che il problema non sia tanto sottile perché Facebook è letteralmente “scomparso dalla rete”, trascinandosi con se anche i server di Instagram e WhatsApp.

Secondo Brian Krebs, un giornalista investigativo americano esperto in cybercrime, pare il si tratterebbe di un problema di DNS che sarebbero stati "cancellati" da internet per cause da definire. In altre parole, gli indirizzi web di Facebook, Instagram e WhatsApp non riescono più ad essere associati ad un IP e di fatti è come se non esistessero: "i DNS registrati che dicono ai sistemi come trovare http://Facebook.com o http://Instagram.com sono stati ritirati questa mattina dalle tabelle di routing globali. Per essere più precisi i percorsi BGP che servono il DNS di Facebook sono stati ritirati, rendendo inaccessibili tutti i domini di Facebook".

In genere quando si verificano queste problematiche potrebbero essere necessarie dalle 24h alle 48h affinchè avvenga la cosiddetta “propagazione dei DNS”. Una soluzione non troppo veloce dunque, che mostra tutte le vulnerabilità di un colosso che in rete segue tutte le più normali regole dei più comuni siti web.

Tornando indietro nel tempo, ma senza andare molto lontano, forse ricorderete bene che un problema simile si verificò a marzo 2021. In quel frangente, le tre applicazioni rimasero in stato di down per un'ora in tutto il mondo, mandando in tilt milioni di utenti. Forse però il vero caso simile si verificò nel luglio del 2019, quando tutti i servizi rimasero irraggiungibili per circa 17 ore.

In questo momento le app risultano ancora tutte inutilizzabili e provando ad aprire Instagram o Facebook, si visualizza la schermata “Uhm… non riusciamo a trovare questo sito.” Forse oggi tutti andremo a letto un po' più deluse, ma sicuramente domani apprezzeremo quell’ora di sonno in più che ci fara sentire più riposare e in forse riscopriremo che la vita reale non è certo dietro lo schermo di un Pc o di un tablet.

Leggi anche...

Redattore

https://www.leinews.it/immagini_soggetti/30-09-2021/1632986553-95-.jpg